Premier italiano a Baghdad ed Erbil, Ue non volta le spalle