'Parla' il pc del ricercatore, nessun legame con servizi segreti