Roma, (askanews) - Quasi un milione e mezzo di fedeli musulmani sono arrivati alla Mecca per l'haji, l'annuale pellegrinaggio funestato nel 2015 da una calca che ha ucciso circa 2.300 persone. Il giorno prima dell'inizio del rito religioso, migliaia di fedeli affollano già la Grande Moschea, effettuando i canonici sette giri intorno alla Kaaba, l'edificio a forma di cubo verso il quale i musulmani di tutto il mondo si rivolgono per effettuare le loro preghiere ogni giorno. E mentre la temperatura raggiunge i 45 gradi centigradi, i rubinetti dell'acqua della fonte Zamzam, miracolosa secondo la tradizione musulmana, permettono ai pellegrini di dissetarsi.

Il pellegrinaggio alla Mecca è uno dei cinque pilastri dell'Islam: un obbligo che deve essere assolto da ogni credente adulto almeno una volta nella vita, se ha i mezzi. Quest'anno, per la prima volta in 30 anni, l'Iran ha vietato ai suoi cittadini di andare in haji, sfidando la gestione saudita dell'organizzazione del pellegrinaggio dopo la calca del 2015 costata la vita a 464 iraniani.