Roma, (askanews) - La presidenza di turno Ue della Slovacchia, che parte l'1 luglio, è la 118esima presidenza rotatoria del Consiglio europeo e durerà, come di consueto sei mesi. E' la prima per Bratislava che dovrà vedersela con le conseguenze della Brexit sulla tenuta dell'Unione europea.

Tra le priorità della Slovacchia l'imparzialità nelle dispute europee, la ricerca di una nuova unità tra i Paesi membri, il proseguimento dei programmi economici e di crescita e soluzioni condivise sulla crisi migratoria.

Ecco i numeri della presidenza di turno: ci saranno circa 200 eventi organizzati da Bratislava e 20mila delegati.

Nella capitale slovacca si svolgeranno nel corso dei sei mesi 15 meeting informali del Consiglio europeo.

Ci sono voluti 11 giorni per trasformare la sede della Filarmonica slovacca, il Reduta, in un centro congressi dove ci saranno 106 postazioni per giornalisti nel Press center.

Il logo della presidenza slovacca è stato disegnato da un 23enne e ne esistono nove versioni.

Presso la rappresentanza permanente della Slovacchia lavorarenno 30 tirocinanti e ci saranno 85 studenti che opereranno come ufficiali di contatto a Bratislava.

Infine, secondo le cifre ufficiali, il governo ha approvato 21 documenti sulla presidenza.