Cracovia (Polonia) (askanews) - Papa Francesco è entrato da solo, a piedi, nel lager di Auschwitz, alle 9.15, con un po' di anticipo sul calendario previsto, camminando lentamente sotto la nota scritta in ferro "Arbeit macht frei", il lavoro rende liberi, che contrassegna l'ingresso nel campo di concentramento

nazista in Polonia.

Francesco, poi raggiunto dal seguito, è salito su un veicolo per giungere alle camerate dove erano detenuti i prigionieri.

A differenza dei due predecessori che vennero qui, il polacco Giovanni Paolo II e il tedesco Benedetto XVI, Francesco ha scelto una visita in silenzio, senza pronunciare discorsi.

(immagini AFP)

(immagini afp)