Il pontefice in Corea: Chiesa non viene come un conquistatore