Karachi (askanews) - Migliaia di pachistani hanno partecipato a Karachi alle esequie di Amjad Sabri, uno dei più conosciuti e popolari musicisti sufi. L'uomo è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco da due sconosciuti a bordo di una motocicletta. Donne, uomini, sunniti e sciiti si sono riuniti nel grande viale della megalopoli portuale pachistana per rendere omaggio alla musica di Amjad Sabri. La marea umana in lutto ha circondato l'ambulanza che trasportava le spoglie del musicista.

"Amjad Sabri era un uomo buono - dice una persona che ha partecipato ai funerali - Siamo qui per lui. Era un uomo buono che ha seguito le orme del padre. E come lui, ha meritato un riconoscimento planetario".

Sabri è stato ucciso mentre si recava in auto in uno studio televisivo per un concerto di una trasmissione speciale per il Ramadan. Alcuni gruppi islamici radicali, fra i quali anche i talebani, considerano il sufismo, una derivazione mistica dell'islam che venera i santi e associa la musica al culto, come un'eresia.