E' lo scenario prospettato da alcuni cardiologi di Los Angeles