Finora solo 'forte sospetto', rischio 2,6 casi ogni 10mila nati