Ecco la cronaca di una giornata storica: quella della visita del primo presidente Usa in carica a Hiroshima – accompagnato dal premier Shinzo Abe -, quasi 71 anni dopo che, su ordine del suo predecessore Truman, la citta' fu annientata dalla bomba atomica che provoco' 140mila vittime. Commovente l'abbraccio di Barack Obama a un anziano hibakusha, uno dei sopravvissuti. Il presidente – dopo un discorso in cui e' tornato a auspicare il disarmo nucleare - ha parlato anche con un altro hibakusha di 91 anni, che l'anno scorso – alla cerimonia di commemorazione in agosto - critico' le nuovi leggi promosse da Abe per la difesa collettiva come tradimento dei principi pacifisti. Il paradosso e' che Abe l'ha fatto su pressante richiesta degli americani, che pure nel dopoguerra dettarono al Giappone una costituzione ultrapacifista.