Nominati ministri in carcere o in esilio, Rajoy minaccia blocco