Roma, (askanews) - Esultano i parenti di Frida Kahlo dopo che un giudice ha bloccato la vendita in Messico di una nuova Barbie del colosso di giocattoli Mattel con le sembianze dell'artista messicana. Pablo Sangrì, legale dei famigliari di Frida Kahlo:

"Basandosi sui documenti, con cui proviamo i nostri diritti, il giudice ha ordinato all'azienda Mattel, in questo caso specifico, di non commercializzare la bambola con l'immagine o il marchio Frida Kahlo".

La pro-nipote di Frida, Mara Romeo Pinedo:

"Sono davvero felice, perché credo che giustizia sia stata fatta. Credo che le cose tue, saranno sempre tue".

"La famiglia vuole semplicemente regolarizzare ciò che si trova sul mercato", ha aggiunto l'altra pro-nipote, Mara de Anda Romeo.

La sentenza, che dichiara la famiglia di Frida Kahlo unica detentrice dei diritti sull'immagine della celebre antenata, ha effetto immediato in Messico, ma Mattel potrebbe fare appello. I parenti hanno sottolineato di voler aspettare la fine del procedimento giuridico, per poter avanzare una domanda simile negli Stati Uniti, dove ha sede il colosso di giocattoli.

Per ora Mattel, che a marzo ha presentato una collezione di Barbie intitolata "Donne che ispirano", tra cui compare appunto Frida, non ha commentato. Per la produzione della Barbie-Frida Mattel si era accordata con la Frida Kahlo Corporation, un ente fondato dalla famiglia assieme a Casablanca Distributors, con cui tuttavia ha rotto perchè non aveva informato i famigliari della nuova creazione.