Managua (Nicaragua), 21 apr. (askanews) - Almeno dieci persone sono state uccise in Nicaragua nelle violente manifestazioni contro la riforma delle pensioni. Lo ha annunciato la vice presidente, Rosario Murillo.

"Almeno dieci persone sono morte" durante queste manifestazioni giovedì e venerdì che ha definito "scontri" organizzati da individui che cercano di "rompere la pace e l'armonia". Murillo ha aggiunto che il governo è disposto a discutere con i manifestanti la proposta di aumentare i contributi dei datori di lavoro e dei lavoratori al sistema previdenziali, all'origine dell'ondata di manifestazioni che è scattata domenica.

Il presidente Daniel Ortega deve formalmente annunciare che il "dialogo resta aperto" e che "tutti gli argomenti sono sul tavolo", ha aggiunto la vice presidente. La polizia aveva in precedenza annunciato la morte di almeno un manifestante e un poliziotto, uccisi nella notte tra giovedì e venerdì durante gli scontri a Managua e in periferia.