Il Montenegro ha imbracciato con decisione la strada dell'Europa: è questa una, ma non certo la sola, delle ragioni per cui le imprese italiane – Pmi comprese – dovrebbero considerare con attenzione le crescenti opportunità di business, per la cui esplorazione l'ambasciata italiana è pronta a offrire il suo supporto. E' il messaggio che lancia il nuovo ambasciatore Luca Zelioli, da poco insediatosi nella sede diplomatica italiana nel centro di Podgorica, in una via che pullula di insegne del “ Made in Italy”. “Come Italia, abbiamo gia' una importante presenza economica. Le relazioni commerciali sono eccellenti e anzi il nostro surplus e' quasi imbarazzante. Credo tuttavia che ci sia ancora molto spazio per intensificare questo rapporto.- continua Zelioli- Ne ho parlato con il primo ministro Marcovic. Il settore energetico il settore infrastrutturale ma anche altri comparti come quello dello sviluppo del turismo sostenibile, della protezione ambientale, dell'agricoltura e dell'agroalimentare sono qui visti come prioritari. Credo che costituiscano ottime opportunità anche per i nostri operatori economici”. Il Montenegro è reduce da una crescita economica che l'anno scorso è salita al +4,3%/+4,4%. “E' un Paese che sta puntando molto sulla modernizzazione e sull'apertura agli investimenti internazionali – dice l'ambasciatore - Tra l'altro e' un Paese a noi vicinissimo non solo geograficamente ma per legami storici, culturali e politici. Basti pensare che l'italiano e' la seconda lingua straniera più diffusa. In più, ha anche un altro vantaggio per gli operatori economici europei: ha adottato l'euro. Ed e' il Paese in pole position per entrare nell'Unione Europea”.
(Leggi l’articolo)