Video rilanciato dai social network suscita ondata indignazione