Duemila persone e funzionari del Guinness a controllare le operazioni