Cancelliera tedesca: non dimenticare per bene generazioni future