Parigi (askanews) - È stato identificato anche il secondo terrorista implicato nel massacro di un anziano sacerdote in una chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, in Normandia. Si tratta di Abdel Malik Nabil Petitjean, 19 anni, francese. La Procura di Parigi ha precisato che il 19enne era schedato dal 29 giugno per aver tentato di raggiungere la Siria attraverso la Turchia.

Il primo killer era già stato identificato come Adel Kermiche, anche lui di 19 anni e francese, assegnato agli arresti domiciliari con un braccialetto elettronico dopo essere uscito di prigione in marzo.

Intanto tre persone della cerchia familiare del secondo responsabile della morte di padre Jacques sono state poste da ieri in stato di fermo. La decisione dovrebbe permettere di raccogliere elementi sul profilo dell'assassino ma nulla in questa fase conferma che queste persone abbiano avuto concretamente a che fare con l'efferato omicidio.

Una quarta persona, un minore di 16 anni, nato in Algeria e arrestato nelle scorse ore, dovrebbe essere interrogato nuovamente a breve. Il fratello è oggetto di un mandato d'arresto per essere partito per la zona iracheno-siriana nel marzo 2015 con i documenti di Adel Kermiche, il primo feroce esecutore dell'omicidio dell'anziano sacerdote a essere stato identificato.

(Immagini Afp)