Vientiane, Laos (askanews) - Il governo filippino ha atteso l'Asean di Vientiane, il summit regionale dei paesi del Sud-est asiatico, e la presenza del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, per rendere note alcune immagini satellitari che proverebbero la costruzione da parte della Cina di un'isola artificiale nel Mar cinese meridionale, smentendo le affermazioni ufficiali di Pechino. Un colpo di scena messo in atto poche ore prima dell'incontro tra i leader dell'Asean e il premier cinese Li Keqiang.

Secondo Manila, le navi mostrate dalle immagini satellitari avrebbero il compito di dragare sabbia e svolgere altre attività necessarie alla costruzione di un'isola artificiale nella zona delle scogliere di Scarborough, rivendicate dalle Filippine.

"Abbiamo tutte le ragioni di credere che la presenza di quelle navi cinesi sia il preludio ad attività di costruzione sulle scogliere" ha dichiarato il ministro della Difesa filippino Arsenio Andolong. "Continueremo le nostre attività di sorveglianza sulle loro preoccupanti attività" ha concluso.

La Cina, che reclama il controllo di ampie porzioni del Mar cinese meridionale, ha già costruito atolli artificiali nell'arcipelago delle isole Spratly e analoghe situazioni sulle scogliere di Scarborough fornirebbero alla Cina basi militari a solo 140 chilometri di distanza dall'isola filippina di Luzon.

(Immagini Afp)