Il presidente sfida con suoi poteri l'immobilismo del Congresso