Dal violinista che suona la Marsigliese all'abbraccio spontaneo attorno alla piazza