Premier attacca la legge sui diritti umani