Parigi (askanews) - Cala l'apprensione a Parigi. Ha infatti iniziato a scendere il livello della piena della Senna, arrivato a un picco di 6,10 metri che ha fatto temere il peggio facendo scattare una serie di imponenti misure preventive, dalla chiusura dei musei a quella delle stazioni della metropolitana e delle banchine sul lungofiume, oltre al divieto di navigazione per tutti i battelli turistici. Le compagnie di assicurazione hanno stimato i danni in oltre 600 milioni di euro.

L'allerta resta comunque alta dato che questo fine settimana sono attese piogge, anche se di moderata intensità per cui il livello delle acque dovrebbe stabilizzarsi. La piena nella notte ha toccato i 6,10 metri per poi scendere a 6,06 metri. Per le prossime ore la tendenza dovrebbe restare quella della lenta discesa ma i musei del Louvre e d'Orsay, dove migliaia di opere nei sotterranei sono state messe al sicuro, resteranno chiusi sino a martedì. I vigili del fuoco hanno invitato i curiosi a evitare di mettersi in situazioni di pericolo.

Nel resto della Francia si sono registrate quattro vittime e 24 feriti a causa delle inondazioni, secondo quando riferito il primo ministro Manuel Valls ma il ministro dell'Ambiente Ségolène Royal ha dichiarato di temere che possano essere trovate altre vittime nelle zone alluvionate. Molte aree della regione parigina e dalla Francia centrale restano in stato di allerta, in particolare nelle zone attraversate dalla Senna mentre dopo l'inizio delle forti piogge la settimana scorsa oltre 20mila persone hanno dovuto essere evacuate.

(Immagini Afp)