Il partito del premier Stubb secondo, gli xenofobi non sfondano