Il fenomeno e' colpevole di una morte su sei