Milano (askanews) - L'Europa dichiara guerra al fumo con una valanga di divieti in vigore d'ora in poi. Fra le principali novità l'abolizione dei pacchetti da 10, meno costosi e più accessibili ai giovani, il divieto dell'uso di additivi o di aromi caratterizzanti che rendano le sigarette più attrattive, e l'obbligo di inserire avvertimenti sulla dannosità del fumo presenti sul 65% del pacchetto. Una direttiva che l'Italia ha recepito a gennaio, con mesi d'anticipo, e che, fra le altre cose, vieta anche di vendere sigarette elettroniche ai giovani con meno di 18 anni e di fumare in macchina se ci sono minorenni o donne incinte.

Regole ancora più ferree in Paesi come la Francia dove d'ora in poi, sull'esempio dell'Australia, le sigarette saranno vendute solo in pacchetti neutri come questi: nessun marchio visibile ma foto molto forti di fumatori che si sono ammalati di cancro e sono morti.

(Immagini Afp)