L'atteso annuncio del vicepresidente Usa. Ora spazio alla Clinton