Roma, (askanews) - E' tornata la calma a Istanbul a piazza Taksim, in Turchia, dopo il fallito tentativo di colpo di Stato dei militari. La piazza, teatro di scontri e proteste nella notte tra il 15 e il 16 luglio, sembra deserta, c'è solo qualche poliziotto a vigilare. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, intanto, ha ripreso il potere e ha invitato la popolazione a presidiare le strade, evocando la possibilità di nuovi tentativi di golpe contro di lui e promesso vendetta contro chi ha ordito il golpe, si parla anche di ripristinare la pena di morte.

Sarebbero stati uccisi 104 golpisti, ma ci sarebbero anche molti morti, almeno 161 e centinaia di feriti. "La gente ha paura - racconta Hassan - è la prima volta che accade una cosa del genere con la polizia e i militari che si scontrano. Cose così non dovrebbero accadere" dice.

"Io personalmente non sono spaventato, ma i turchi sì. Spero che non capiti mai più una cosa del genere, non possiamo vivere con il timore che accada di nuovo".