Lisbona (askanews) - Il bilancio degli incendi forestali che hanno devastato il Portogallo e la vicina regione della Galizia, in Spagna, è aumentato a 45 morti, mentre i vigili del fuoco sono ancora impegnati a domare gli ultimi focolai.

Secondo il più recente bilancio della Protezione civile, 41 persone hanno perso la vita nei roghi divampati nel Portogallo settentrionale e centrale, messo in ginocchio dagli incendi per la seconda volta in quattro mesi. Allora le vittime erano state 64. Ai morti degli ultimi incendi si devono aggiungere 71 feriti, 16 dei quali versano in gravi condizioni.

Di fronte a questo secondo e nuovo dramma, il presidente conservatore Marcelo Rebelo de Sousa ha chiesto al governo socialista di trarre tutte le conseguenza da queste tragedie. "Gli oltre cento morti non lasceranno mai la mia mente, sono come un peso enorme sulla mia coscienza e sul mio mandato", ha fatto sapere in una dichiarazione al paese.