Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra Sadiq Khan e a Caroline Criado Perez che ha fatto campagna perché fosse realizzata.

"Le donne sono ancora sottorappresentate in tutte le aree della politica e della vita culturale britannica" ha detto Criado Perez. "Quando ho contato tutte le statue presenti nei monumenti pubblici del Regno Unito ho scoperto che c'erano più statue di uomini che si chiamavano John, che statue raffiguranti donne."

Sulla piazza di Westminster di statue di uomini ce ne sono undici, ma da oggi non sono più soli. Millicent Fawcett, morta nel 1929, fu una delle prime femministe e delle suffragette che un secolo fa portarono il voto alle donne della Gran Bretagna.

"Le statue hanno importanza, sono un simbolo dei nostri valori, del peso che diamo alle battaglie vinte in guerra e in pace" ha detto il sindaco di Londra, Sadiq Khan.

E la premier Theresa May ha ricordato: "non sarei qui come primo ministro, non ci sarebbero donne in Parlamento, nessuna di noi avrebbe i diritti e le tutele di cui oggi godiamo se non fosse per questa donna straordinaria, Dame Millicent Garrett Fawcett."