Lo ha deciso la Corte costituzionale austriaca