Hong Kong (askanews) - Un centinaio di persone ha manifestato a Hong Kong in occasione della visita del numero tre cinese, per chiedere il suffragio universale e la liberazione dei dissidenti imprigionati in Cina. I manifestanti si sono trovati di fronte un impressionante dispositivo di polizia.

Arrivato per una visita di tre giorni, il presidente dell'Assemblea nazionale popolare cinese Zhang Dejiang, è il dirigente cinese più alto in rango a visitare l'ex colonia britannica negli ultimi quattro anni. Ufficialmente vi si è recato per una conferenza economica, ma il suo viaggio serve

anche a cogliere l'umore nel territorio autonomo rispetto alle spinte di Pechino per far ottenere all'impopolare Leung Chun-ying un secondo mandato come amministratore dell'esecutivo di Hong Kong. Zhang dovrebbe avere anche un incontro in giornata con alcuni deputati filodemocratici.

(immagini afp)