Rischiano 15 anni di carcere, proseguono pressioni diplomatiche