Tripoli (askanews) - Gli aerei militari americani sono tornati a bombardare la Libia, 5 anni dopo l'incursione che portò alla caduta di Gheddafi. Lo ha annunciato il primo ministro libico Fayez al-Sarraj e lo ha poi confermato il Pentagono.

"Il consiglio presidenziale, a capo dell'esercito libico, ha deciso di autorizzare la richiesta di sostegno diretto degli Stati Uniti d'America, col lancio di precisi raid aerei contro le roccaforti dello Stato islamico a Sirte e dintorni - ha detto il primo ministro - Ci sono già stati i primi attacchi che hanno provocato importanti perdite fra le file del nemico".