Roma, (askanews) - Una donna, per la prima volta, leader del Partito d'opposizione. Succede in Giappone, un Paese poco abituato a vedere donne occupare posti di primo piano. Ora, il Partito democratico, che da quattro anni a questa parte fatica a ricollocarsi dopo un breve passaggio al potere, ha scelto per la prima volta di essere diretto da una donna. Una senatrice le cui origini taiwanesi hanno fatto molto rumore.

Ex stella della tv senza peli sulla lingua Renho Murata, 48 anni, ha avuto la meglio su due rivali uomini, il 54enne Seiji Maehara, ex ministro dei Trasporti e poi degli Esteri, e Yuichiro Tamaki, 47 anni, deputato. "Sarò in prima linea nella nostra lotta per ricostruire il partito e vincere di nuovo le elezioni", ha detto dopo essere stata proclamata vincitrice.

"Dobbiamo affrontare il partito al potere - ha aggiunto - dobbiamo affrontare un partito forte, molto forte, un governo popolare. E noi faremo proposte nei giusti modi e non in maniera critica".