Ansbach, Germania (askanews) - La Germania ormai nel cuore dell'incubo terrorismo. Alle 22 di ieri, di fronte a un ristorante nel centro di Ansbach, in Baviera, il bagliore assordante di una violenta esplosione. Il terzo attentato in 48 ore, il secondo di una domenica di terrore.

Con il paese ancora sotto shock per la sparatoria di Monaco del 22 luglio, è arrivata la notizia dell'uccisione di una donna incinta in un attacco con machete a Reutiingen, nel Baden-Wurttemberg. Poi, in serata, la notizia di un nuovo terribile attentato nel sud del Germania, a una quarantina di chilometri da Norimberga. Un rifugiato siriano di 27 anni, che soffriva di disturbi psichici, si è fatto saltare in aria durante un festival musicale, il vero obiettivo dell'attentato, provocando 12 feriti.

Il terrorista aveva provato a entrare nell'area in cui si svolgeva il concerto, ma era stato bloccato dagli addetti alla sicurezza perché sprovvisto di biglietto. L'uomo non ha rinunciato al suo intento e si è fatto esplodere nell'area antistante. Tre dei 12 feriti versano in gravi condizioni. Le autorità stanno cercando di determinare se si sia trattato di un attentato di matrice islamica.

(Immagini Afp)