In un post due ricercatori si chiedono se i social possono farci male