'Non volevano ordinare'. Accuse di razzismo, il Ceo si scusa