Allo studio nuove sanzioni e dispiegamento armi strategiche