Baghdad (askanews) - Un duro colpo all'Isis ventiquattro ore dopo l'attentato all'aeroporto Ataturk di Istanbul. Un convoglio di militanti del Califfato in fuga dalla città di Fallujah è stato distrutto da bombardamenti dell'aviazione irachena. Le immagini dei violentissimi raid sono state diffuse dal ministero della difesa iracheno. I jihadisti stavano fuggendo da un'offensiva dell'esercito, che domenica ha ripreso la città, ed erano diretti nelle aree controllate dal Califfato nei pressi del confine siriano. Fallujah, a circa 50 chilometri dalla capitale Baghdad, è stata ripresa dopo di cinque settimane di combattimenti dall'esercito e dalle milizie alleate.

Secondo una fonte della Bbc un gran numero di militanti in fuga si erano ritrovati nell'area di al-Ruwaila con il piano di attraversare il deserto per raggiungere il confine siriano. Sulla base di informazioni di intelligence, l'aviazione ha attaccato martedì sera il convoglio uccidendo decine di militanti. Si parla addirittura di 250 combattenti uccisi, in quello che sarebbe l'attacco maggiore mai scagliato contro i miliziani del califfato.