Santiago del Cile (askanews) - Una dura denuncia, un video shock che dimostra la inutile e crudele violenza a cui sono sottoposte le pecore per ottenere la lana. Le immagini diffuse dalla Peta mostrano il disumano trattamento subito dagli animali negli allevamenti in Cile, per fornire la lana venduta in tutto il mondo. Animali picchiati, torturati, sgozzati e scuoiati vivi senza motivo, per alimentare il mercato internazionale del lusso e dell'abbigliamento.

Secondo le stime diffuse dall'associazione, il Cile esporta almeno il 30 per cento della sua lana in Italia, che però in molti casi viene venduta in maniera truffaldina come prodotto nostrano. Non è la prima volta che la Peta documenta quanto accade negli allevamenti ovini nel mondo: in meno di due anni l'associazione ha distribuito sei video registrati in 39 strutture dislocate in tre diversi continenti. Tra le immagini più dure quella delle profonde ferite causate dalla tosatura e i lavoratori che tagliavano e perforavano dei buchi nelle orecchie degli agnelli e mozzavano le loro code con un coltello poco affilato, tutto questo senza farmaci analgesici.

Quanto registrato nei due grossi allevamenti cileni visibili nel filmato è solo l'ultimo caso denunciato.