Record casa d'aste dimostra che arte contemporanea diventa bene rifugio