Roma, (askanews) - Ventuno anni dopo decine di migliaia di persone hanno commemorato il massacro di Srebrenica nel cimitero di Potocari, in Bosnia: era l'11 luglio 1995 quando 8.372 musulmani furono sterminati da parte delle truppe serbo-bosniache del generale Ratko Mladic nella zona protetta dall'Onu.

I resti di altre 127 persone, recentemente identificati grazie agli esami del dna, sono stati inumati nel corso della cerimonia guidata dal gran muftì Husein Kavazovic. In tutto a Potocari sono sepolte 6.300 vittime, 230 in altri cimiteri. I resti di altre 1.500 persone sono, per la maggior parte, ancora da identificare.

(Immagini Afp)