Roma, (askanews) - "Vogliamo votare": i catalani di Roma si sono riuniti, fra slogan e la vecchia canzone anti franchista "L'estaca", per sostenere il governo autonomo di Barcellona colpito da una ondata di arresti, ordinati da Madrid a pochi giorni dal referendum per l'indipendenza che è stato dichiarato incostituzionale.

Un altro sit-in è previsto per il 21 settembre davanti a Montecitorio, convocato da rappresentanti dell'Assemblea Nazionale Catalana e dell'Associazione dei Catalani di Roma "per spiegare agli italiani che il popolo catalano vuole votare in pace, in conformità con i suoi diritti europei ed internazionali" nel referendum del primo ottobre. Ieri sono stati arrestati 14 funzionari e politici di alto livello in Catalogna. La guardia civil è entrata senza un mandato giudiziario nelle sedi di diversi media catalani.