La numero 2 capro espiatorio dello scandalo sessuale: 'Colpa mia'