Londra (askanews) - Andrea Leadsom è l'ultimo nome che va ad aggiungersi alla lista dei candidati intenzionati a sostituire David Cameron alla guida del partito conservatore e della Gran Bretagna.

"E' stata una grande decisione farmi avanti per guidare il nostro paese. Una decisione mossa dalla mia assoluta convinzione che il nostro futuro, quello dei nostri figli e nipoti sarebbe molto meglio fuori dall'Europa", ha detto. Fra i primi a darle il suo appoggio, l'ex sindaco di Londra Boris Johnson, che si è preso così la sua vendetta nei confronti del ministro della Giustizia Michael Gove, la cui candidatura ha affossato la corsa verso Downing Street di Johnson, costringendolo ad un passo indietro.

Oltre a Gove e Leadsom gli altri sfidanti sono la favorita Theresa May, ministro degli Interni e tiepida sostenitrice della permanenza in Europa al referendum, il sottosegretario al Lavoro Stephen Crabb e l'ex ministro della Difesa Liam Fox. I nomi sono tutti sul piatto e le prime votazioni hanno preso il via, ma chi sarà l'uomo o la donna che dovrebbe guidare la Gran Bretagna fuori dall'Europa si saprà solo a settembre.