Brasilia (askanews) - Michel Temer ha giurato come nuovo presidente del Brasile, dopo che Dilma Rousseff è stata destituita da un voto del Senato. Temer, 75 anni, ha alzato la sua mano e ha giurato di attenersi alla Costituzione, ottenendo rumorosi applausi da parte dei

supporter conservatori nella cerimonia che ha avuto luogo al Senato.

Rousseff, destituita in base all'accusa di aver truccato il bilancio pubblico per garantirsi la rielezione, ha accusato i senatori di aver fatto un "colpo di stato parlamentare" e di aver "condannato una persona innocente".

Alla notizia della destituzione di Rousseff nelle piazze delle città brasiliane si sono scatenati i sostenitori della ormai ex presidente che gridavano al golpe. "Quello di oggi è un golpe di classe, il golpe è contro la classe dei lavoratori", ha detto un manifestante pro Rousseff a Rio de Janeiro.

A Brasilia davanti al Senato si sono scatenati i sostenitori dell'impeachment di Rousseff: "Sono molto felice, come tanti brasiliani che hanno passato un periodo pessimo con questo presidente del partito dei lavoratori", ha detto un disoccupato. "Ora col governo di Michel Temer avremo maggiore credibilità a livello internazionale. E questo migliorerà la situazione del Brasile".