Il Parlamento contro i tagli, mentre i Paesi restano divisi