Roma, (askanews) - La polizia tedesca ha ucciso il 17enne che lunedì 18 luglio ha ferito quattro passeggeri che viaggiavano in un treno regionale in Baviera, vicino Wurzburg, colpendoli con un'accetta e un coltello.

L'uomo è un richiedente asilo afgano che ha evocato la matrice islamista del gesto. "Possiamo confermare che l'aggressore è stato ucciso durante la fuga - ha affermato Philipp Hammer, portavoce della polizia tedesca - abbiamo tre feriti gravi, un ferito lieve e diversi viaggiatori sotto choc. E confermiamo che l'attacco è avvenuto con un'accetta e un coltello".

Secondo informazioni raccolte dalla Bild, il ragazzo era arrivato in Germania senza i genitori e viveva presso una famiglia di accoglienza di Ochsenfurt. Secondo alcuni testimoni, prima dell'aggressione il 17enne avrebbe gridato Allah Akbar prima di avventarsi sui passeggeri.