Roma, (askanews) - Un giardino segreto. Una riserva naturale in mezzo ai grattacieli di New York, con sentieri, fiori, un'incredibile varietà di specie di uccelli, scoiattoli, procioni e persino una marmotta. Un'oasi sconosciuta anche alla maggior parte dei cittadini della Grande Mela perché chiusa da 80 anni, all'interno di Central Park. Riapre finalmente al pubblico l'Hallett Nature Sanctuary dopo un progetto di rivitalizzazione del parco partito 15 anni fa.

"E' un'area di oltre un ettaro e mezzo chiusa negli anni '30 dal Commissario dei Parchi di allora, Robert Moses - spiega Doug Blonsky, presidente della Tutela ambientale di Central Park - pensava che potesse diventare un santuario per gli uccelli. Ma sfortunatamente se si lascia un'area chiusa e incustodita a lungo, spuntano erbacce e arbusti selvatici ovunque".

Sistemarlo e ripulirlo da piante come il glicine, bellissimo con i suoi fiori, ma altamente infestante, ha richiesto anni. "Ci siamo fatti aiutare anche da studenti e volontari, ma ora è arrivato il momento di riaprire al pubblico e di condividere con tutti questo luogo meraviglioso".

Al momento è aperto solo 3 pomeriggi a settimana, in estate aprirà per qualche ora anche la domenica, ma per mantenerlo un posto di pace e serenità l'ingresso è consentito solo a 20 visitatori alla volta.